Pergole bioclimatiche: come scegliere la tipologia più adatta?

Scegliere una pergola bioclimatica per il proprio outdoor significa scegliere una struttura che garantisce funzionalità e design e consente di godersi lo spazio aperto con la massima libertà, grazie al sistema di lamelle orientabili con le quali si regola la quantità di luce e aria che si desidera far circolare sotto la struttura. 

Grazie a questa particolare tecnologia, questo tipo di pergola è ottimale sia in estate che durante i mesi più freddi, perché la chiusura delle lamelle isola dalle intemperie, ed è possibile corredare la struttura di chiusure laterali. 

L’autunno può quindi essere il momento giusto per installare una pergola bioclimatica: vediamo insieme come scegliere la tipologia più adatta e di cosa tenere conto per valutare il modello più adatto alle tue esigenze.

 

Scegliere una pergola bioclimatica: ecco cosa tenere presente

Per valutare quale tipologia e modello di pergola si adatta meglio al tuo giardino, terrazzo o spazio verde, occorre fare alcune valutazioni sia sul progetto strutturale dell’outdoor che sui tuoi desideri e abitudini di utilizzo. Ecco qualche suggerimento utile.

 

Parti dal progetto generale

Prima di installare una pergola bioclimatica, il nostro consiglio è quello di valutare come vorrai utilizzare lo spazio al di sotto di essa: potrebbe essere il luogo ideale per un tavolo con sedie, una zona relax con divanetti, oppure un solarium con sdraio e lettini, o ancora una zona di cucina all’aperto, molto di tendenza negli ultimi anni, per esempio con un angolo barbecue a gas.

Se la pergola bioclimatica verrà installata su un terrazzo, in base alla metratura potrai valutare se conviene una struttura autoportante o addossata: in uno spazio di piccole dimensioni, per esempio, la pergola addossata è più comoda per creare continuità con lo spazio interno, sfruttando al massimo il terrazzo senza dover rinunciare a superficie preziosa.

In un ampio giardino o in un terrazzo di grandi dimensioni, invece, la soluzione autoportante potrebbe essere l’ideale per dare vita a uno spazio ben delineato, perfetto per rilassarsi, o per pranzare e cenare nel verde. 

 

Pensa ai lati esterni

Quando avrai riflettuto sulla modalità d’uso e considerato se preferisci una soluzione autoportante o addossata, è sicuramente importante pensare ai lati esterni della pergola bioclimatica. Potrebbero essere lasciati completamente aperti, oppure chiusi con tende – che permettono l’ombreggiatura senza isolare termicamente –  o chiusure scorrevoli in pvc, utili per garantire una maggiore protezione durante i mesi più freddi.  

Se desideri usare la pergola durante tutto l’anno, sicuramente una chiusura in pvc può essere ottimale, se invece la struttura avrà vita prevalentemente estiva, i tendaggi – leggeri e versatili – sono l’ideale.

 

KE-pergola-BIOCLIMATICA

 

Considera le condizioni atmosferiche

Una valutazione importante da fare per scegliere, ad esempio, se optare per una pergola in legno o in alluminio – è quella di considerare le condizioni atmosferiche generali del luogo dove verrà installata la struttura.

Entrambe le tipologie garantiscono ottime performance, ma è importante tenere conto del fatto che la struttura in legno necessita ovviamente di una manutenzione maggiore per garantire al materiale ligneo durata nel tempo, mentre l’alluminio è un materiale dalla tenuta “eterna”

A seconda del clima prevalente, potrebbe essere meglio optare per l’uno o per l’altro, tenendo quindi conto che in zone dove piove o nevica spesso, o se la struttura è esposta al sole per molti mesi l’anno, il legno avrà ovviamente bisogno di essere trattato più di frequente, mentre l’alluminio garantisce una resistenza maggiore. 

 

Valuta il design dell’ outdoor

Ultimo punto, ma certo non meno importante, è la valutazione del design complessivo dello spazio esterno dove verrà installata la pergola: se si tratta di un giardino o terrazzo in stile moderno, con colori bianchi, tessuti impermeabili e linee pulite, potrai inserire benissimo tutto ciò che alluminio, pvc e tendaggi monocromatici.

In un ambiente con stile rurale e bucolico, il legno, il bianco e tendaggi dai colori pastello sono invece l’ideale, per mantenere colori tenui e sfumature intonate al materiale ligneo. 

In ogni caso, la pergola bioclimatica dovrà inserirsi nello stile che vorrai dare al tuo giardino o terrazzo, scegliendo con cura elementi, colori e dettagli per creare un ambiente curato, accogliente e funzionale. 

 

Se stai valutando quale pergola bioclimatica scegliere per il tuo outdoor, i nostri tecnici e consulenti qualificati sapranno consigliarti per trovare insieme la soluzione migliore e dar vita a uno spazio esterno da vivere tutto l’anno, senza rinunciare a un design di qualità

 

Articoli Correlati

Pergole in alluminio addossate o autoportanti: caratteristiche e vantaggi

Le pergole in alluminio da esterno sono delle strutture grazie alle quali è possibile ottimizzare gli spazi esterni della tua abitazione o esercizio commerciale. Ci sono due principali soluzioni di pergole da esterno: le autoportanti e le addossate. Quali sono le caratteristiche e i vantaggi di questi tipi di pergolato?

Scopri di più

Pergolati in legno o alluminio, quale scegliere?

I pergolati da esterno rappresentano la soluzione migliore per proteggere lo spazio esterno della tua casa e per sfruttare il giardino o terrazzo tutto l’anno. Le tipologie di materiale più utilizzate per realizzare queste strutture sono il legno e l’alluminio, ma quali sono le differenze e come scegliere il materiale più adatto?

Scopri di più

Scopri di più